Diritto dei consumatoriNews giuridiche

CONSUMATORI: Salmonella nei moscioli di Portonovo

Cozze infette secondo l’Asur. Così il comune di Ancona vieta il consumo umano diretto mentre l’allevamento di Portonovo Cooperativa Fra Pescatori srl ritira il prodotto già in commercio.
Cosa fare in caso di intossicazione alimentare? Due cose.
La prima. Recarsi al Pronto Soccorso per le cure e la conseguente refertazione medica che attesti l’insorgere del problema di salute.
La seconda. Conservare lo scontrino del ristorante, bar, negozio ecc., di acquisto e consumo del prodotto.
Infatti il codice del consumo impone la qualità e quindi anche la sicurezza degli alimenti, controllo peraltro garantito da ristoratori e commercianti in genere attraverso il rispetto del manuale di autocontrollo (HACCP).
Ecco allora che nell’interesse collettivo ci si rivolge ai NAS o all’Asur perché compiano le ispezioni e i sequestri del caso.
Per il risarcimento del danno si contatta il ristoratore/commerciante e mancando un accordo con questi si va dal giudice.
Provato tramite lo scontrino il rapporto commerciale e a mezzo del referto medico l’infortunio occorso, starà al ristoratore o al commerciante del prodotto dimostrare di essere estraneo ad ogni responsabilità, magari riconducendo la crisi a un’allergia o a una intolleranza da pesce crudo propria del consumatore stesso, come può accadere quando questi è l’unico tra tanti commensali o acquirenti ad avere accusato malori.

Via Giotto n.44, Porto San Giorgio (FM)
Tel: 0734 671554

Tags
Mostra altro

staff

Redazione interna sito web giuridica.net

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close