News giuridiche

Insegnanti: è legittimo non riconoscere il servizio di pre-ruolo nelle scuole paritarie

Corte Costituzionale – sentenza n. 180/2021

È illegittimo non valutare l’insegnamento tenutosi presso le scuole paritarie nel momento in cui si deve ricostruire la carriera e la mobilità di un insegnante prima della sua immissione nei ruoli della scuola pubblica? Secondo la Corte Costituzionale no.

Con la sentenza n. 180/2021, quindi, cade la questione di legittimità sollevata sull’art. 485 del decreto legislativo n. 297/1994 in tema di Riconoscimento del servizio agli effetti della carriera per il personale docente. Il motivo è che la legge n. 62 del 2000, pur volendo «garantire agli alunni delle scuole paritarie i medesimi standard qualitativi di quelle statali», «non ha portato alla completa equiparazione del rapporto di lavoro dei docenti di tali scuole a quello dei docenti della scuola statale in regime di pubblico impiego privatizzato». Sta tutto nella mancanza di concorsi per le scuole paritarie, i quali, secondo l’art. 97 della Costituzione, «devono informare l’attività delle amministrazioni pubbliche».

La mancanza di concorsi pubblici è proprio ciò che garantisce alle scuole paritarie una differenziazione rispetto a quelle pubbliche in termini di discrezionalità. Grazie a questo grado di autonomia, infatti, si sancisce la «libertà nel dotarsi di personale connotato da un’impostazione culturale, didattica ed educativa coerente con il progetto formativo».

Fonte
Corte Costituzionale
itf dispositivi demo

Mostra altro

staff

Redazione interna sito web giuridica.net

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button