Diritto di famigliaMassime AIAFNews giuridiche

La domanda di accertamento che le parti hanno già definito ogni questione patrimoniale nascente dal matrimonio e tra loro esistente è inammissibile

11 NOV 2019 – VICENZA
Tribunale di Vicenza – Sentenza n. 1494 del 02.07.2019 – Giudice estensore dott.ssa Poi – Presidente dott.ssa Caparelli

In sede di divorzio la domanda di accertamento che le parti hanno già definito ogni questione patrimoniale nascente dal matrimonio e tra loro esistente è inammissibile in quanto posta al di fuori dei casi di connessione “forte”.

Dovrà essere dichiarata inammissibile la domanda di accertamento che le parti hanno già definito ogni questione patrimoniale nascente dal matrimonio e tra loro esistente in quanto non rientrante nei casi di connessione “forte” di cui agli artt. 31, 32, 34, 35 e 36 c.p.c. ossia in quanto posta al di fuori dei soli casi in cui è consentita la trattazione unitaria delle cause ai sensi dell’art. 40 co.3 c.p.c.

(Nel caso di specie la ricorrente oltre a richiedere la pronuncia e la dichiarazione di scioglimento del matrimonio civile, chiedeva anche che il Tribunale dichiarasse che i coniugi avevano già definito ogni questione patrimoniale nascente dal matrimonio e tra loro esistente. Il Tribunale Berico dichiarava lo scioglimento del matrimonio con parte resistente contumace, ma dichiarava la suddetta domanda di accertamento inammissibile in quanto posta al di fuori dei casi di connessione “forte” di cui agli artt. 31, 32, 34, 35 e 36 c.p.c.).

Giurisprudenza conforme: Cass. Civ. Sez. I°n. 3316/2017

Massima a cura dell’avv.to Silvia Toselli

Per consultare il testo integrale della sentenza, iscriviti ad AIAF Veneto

Tags
Mostra altro

staff

Redazione interna sito web giuridica.net

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close