Marketing LegaleNews giuridiche

Cosa succede al nostro profilo Facebook in caso di decesso?

Condivisioni, like, reazioni, commenti. Anche solo a partire dai controversi “buongiornissimi”, le interazioni sui social network sono entrate a far parte del quotidiano. Tutto è incentrato sul momento stesso in cui avviene, ed è proprio per questo che non ci poniamo quella che, in ambito social, è la domanda più importante: che fine farà il nostro profilo in caso di decesso?

Domanda più che legittima, visto il grado di familiarità conquistato dalle varie piattaforme, ma che non ha ancora preso piede nelle nostre coscienze.

Potrà suonare strano, ma Facebook (come anche Twitter e Google) hanno previsto questa eventualità, proponendo all’utente due modus operandi.

1. Eliminazione definitiva dell’account

L’eliminazione di tutti i nostri dati potrà avvenire tramite richiesta ufficiale a questo link. Affinché Facebook possa accettare la richiesta, dovremo attestare il nostro ruolo di parente o di esecutore testamentario inviando la documentazione ufficiale quando richiesto.

2. Trasformazione in profilo commemorativo tramite un account erede

Questo caso, se vogliamo, è il più “romantico” e in stile social. Tutti gli account attivi possono designare un account erede (a questo link), il quale potrà prendere il controllo del nostro profilo e renderlo commemorativo. Così si lascerà ai nostri contatti la possibilità di lasciare un messaggio in bacheca, mentre l’account erede potrà gestire la privacy e cambiare le foto profilo e di copertina. L’aspetto più importante è che nessuno potrà pubblicare alcun tipo di contenuto a nostro nome, nemmeno l’account erede.

Nel caso in cui l’account erede voglia eliminare definitivamente il profilo commemorativo, dovrà presentare domanda tramite il modulo presente al punto 1.

Un informazione, questa, che può sembrare estranea all’ambito legale, ma che senz’altro contribuisce ad accresce la consapevolezza nei mezzi utilizzati quotidianamente.

Tags
Mostra altro

staff

Redazione interna sito web giuridica.net

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close