Diritto di famiglia

MASSIMA-MODENA 181/2016 DEL 26.01.2016, DOTT. A.G. TIBALDI, G. PAGLIANI

SEPARAZIONE GIUDIZIALE – MANTENIMENTO CONIUGE – TENORE DI VITA – DISPARITA’ ECONOMICA TRA LE PARTI (Cod. civ. art. 156)
L’assegno per il coniuge deve tendere al mantenimento del tenore di vita, da questo goduto, durante la convivenza matrimoniale, e indice di tale tenore di vita può essere l’attuale disparità di posizioni economiche tra i coniugi, e a tali condizioni risulta consentita l’erogazione al coniuge più debole di una somma corrispondente alle sue esigenze.
È quindi da ritenere adeguato solo un assetto patrimoniale che, tenendo conto del passaggio del tempo, dei rispettivi sviluppi patrimoniali e reddituali, della disponibilità patrimoniale del marito e della comproprietà della casa coniugale occupata dalla moglie, mantenga globalmente inalterata la situazione determinatasi durante la convivenza matrimoniale.
 
La giurisprudenza
Cass. Civ. I, 29/1/10, n. 2156; Cass. Civ. I, 26/11/13, n. 26423; Cass. Civ. VI, 6/5/14, n. 9660; Cass. Civ. VI, 30/4/14, n. 9494; Cass. Civ. I, 23/5/14, n. 11517.

Tags
Mostra altro

Studio Legale De Santi

Lo studio legale si occupa, in via esclusiva, della tutela delle persone, della famiglia e dei minori, sia dal punto di vista personale che patrimoniale.

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close