News giuridiche

Patrocinio gratuito: l’erario anticipi gli onorari a consulenti, custodi e notai

«Gli onorari e le indennità dovuti a consulenti, notai e custodi devono essere, in caso di ammissione al patrocinio a spese dello Stato, direttamente anticipati dall’erario».

È quanto ha stabilito la Corte Costituzionale con sentenza n. 217/2019. In esame l’art. 131, III comma, del d.P.R. 30 maggio 2002, n. 115 (Effetti dell’ammissione al patrocinio), il quale specifica che:

«Gli onorari dovuti al consulente tecnico di parte e all’ausiliario del magistrato sono prenotati a debito, a domanda, anche nel caso di transazione della lite, se non è possibile la ripetizione dalla parte a carico della quale sono poste le spese processuali, o dalla stessa parte ammessa, per vittoria della causa o per revoca dell’ammissione. Lo stesso trattamento si applica agli onorari di notaio per lo svolgimento di funzioni ad essi demandate dal magistrato nei casi previsti dalla legge e all’indennità di custodia del bene sottoposto a sequestro».

Questo giudizio di incostituzionalità, sebbene in contrasto con precedenti decisioni, è conforme a una giurisprudenza che ha già «escluso che gli oneri conseguenti alla tutela dell’indigente potessero gravare su alcune categorie professionali».

La «prenotazione a debito», quindi, è incostituzionale perché «impedisce il pagamento degli onorari e delle indennità prima dell’effettivo recupero del credito», operazione che spesso non può avvenire perché impossibile il pagamento della prestazione professionale (si pensi al caso del patrocinio dell’indigente).

Fonte
Corte Costituzionale
Tags
Mostra altro

staff

Redazione interna sito web giuridica.net

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close