Diritto di famigliaMassime AIAFNews giuridiche

L’incidenza del trasferimento all’estero del figlio sull’assegno divorzile del genitore collocatario

11 FEB 2020 – PADOVA
Tribunale di Padova, 9 settembre 2019, n. 7852 – Pres. Guerra – Rel. Termini

MODIFICA DELLE CONDIZIONI DI DIVORZIO – FIGLIA MAGGIORENNE – TRASFERIMENTO ALL’ESTERO – MINORE ONERE DI CURA – RIDUZIONE ASSEGNO – SUSSISTE (art. 9 L. 898/1970)

Va accolta la domanda di riduzione dell’assegno divorzile dell’ex coniuge su cui ricadeva l’onere di cura della figlia, qualora quest’ultima sia nel frattempo divenuta maggiorenne, si sia trasferita all’estero e sia divenuta parzialmente autosufficiente. La circostanza del trasferimento all’estero, infatti, incide sull’assetto economico pattuito tra i coniugi e impone la revisione dell’assegno, considerando il minore coinvolgimento economico e personale della madre nell’accudimento della figlia e la conseguente possibilità per il genitore di incrementare il proprio impegno lavorativo.

[Nel caso di specie, il Tribunale di Padova ha ridotto l’assegno divorzile dell’ex moglie, originariamente determinato in 500,00 euro a causa della giovane età della figlia e del conseguente impegno di accudimento gravante sulla madre, genitore collocatario. In seguito al trasferimento negli Stati Uniti della giovane, nel frattempo divenuta maggiorenne, nonché della sua parziale autosufficienza economica, l’assegno è stato ridotto a 300,00 euro, ritenendo che la madre potesse accedere ad una posizione lavorativa a tempo pieno e non più part-time.]

Massima a cura dell’avv. Sabrina De Santi

Per consultare il testo integrale della sentenza, iscriviti ad AIAF Veneto

Tags
Mostra altro

staff

Redazione interna sito web giuridica.net

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close