CivileMarketing LegaleNews giuridicheRubrica Marketing Legale

5 motivi che spiegano perché uno studio legale è paragonabile a un business online

In questi anni, molte persone hanno iniziato il loro approccio a Internet anche se, purtroppo, è sempre più comune scorgere professionisti che utilizzano i canali online con superficialità e pressapochismo non capendo la potenzialità che questi hanno. Ecco perché, per avere un vantaggio sugli altri professionisti del settore, diventa doveroso gestire uno studio legale come fosse un business online, al fine di trarre dei benefici concreti.

Tradizionalista o tecnologico?

Partiamo dall’esempio più classico: è ora di cena, hai fame e il tuo frigorifero non offre granché. Di uscire a fare la spesa non hai per niente voglia, quindi opti per una pizza d’asporto. Ora, cosa fai? Cerchi tra i cassetti della cucina il volantino della pizzeria sotto casa che speri di non aver buttato o ti colleghi a Internet per vedere che pizzerie sono aperte e ordinare quello che ti va?
Se non sei un tradizionalista e hai scelto la seconda opzione, capisci bene quanto esistere su Internet sia fondamentale per tutte le attività e i professionisti di oggi. Il mondo dell’avvocatura non è poi così diverso.
Quando una persona ha un problema, la prima cosa che fa è vedere cosa dice Google e se esiste una soluzione immediata. Se la risposta desiderata non esiste o non soddisfa le esigenze dell’utente, questo ricorrerà a blog o siti di vario genere per trovare qualcuno che abbiamo avuto un problema quanto più simile al suo e cercherà di capire come affrontare al meglio la cosa e a chi rivolgersi.
È chiaro, quindi, che chiunque visiti il tuo sito e/o le tue pagine social, se troverà materiale vecchio, poco chiaro e confusionario, cliccherà sul tasto indietro e andrà a cercare altrove quello che si aspetta di trovare. Diventa così indispensabile impegnarsi e concentrare le proprie energie per creare una vetrina online organizzata e ricca di contenuti validi che possano essere utili ai tuoi potenziali clienti.
Vediamo quali sono i 5 motivi per trattare il tuo studio legale come fosse un business online:

  1. Gli utenti che leggono il tuo blog possono diventare dei clienti reali: se qualcuno cerca soluzioni online significa che ha dei problemi reali. Perché non essere tu la soluzione ai suoi guai legali?
    Un blog ricco di contenuti validi può far avvicinare sempre più potenziali clienti che, fidandosi di quello che scrivi e della tua professionalità, potrebbero essere invogliati a scriverti per una consulenza.
  2. Essere attivo sui tuoi canali social abitua i lettori alla tua presenza (e questi si ricorderanno di te quando avranno un problema): oggi, purtroppo, un post pubblicato su Facebook o una notizia condivisa su Twitter ha una vita di qualche ora o, nel secondo caso, addirittura minuti. Ma se, per esempio, attraverso l’uso di un calendario editoriale tu riuscissi a pubblicare in maniera strategica i tuoi contenuti – aiutandoti inoltre con i vari Insights interni ai social per comprendere gli orari e i giorni migliori –, sarà più facile raggiungere l’obiettivo prefissato. È importante comunicare con le persone al momento giusto, con lo scopo di trasformarle in possibili clienti.
  3. Puoi diventare un punto di riferimento per altri avvocati che possono chiederti una collaborazione o un aiuto: non guardare tutto come concorrenza, pensa anche alle opportunità che Internet può offrirti. Esattamente come accade con gli studi associati, anche su Internet si possono istaurare delle collaborazioni. Nessuno di noi ha accesso al sapere universale. Di conseguenza, se la tua specializzazione comprende il diritto penale, avere un collaboratore che si occupi di diritto civile può essere utile per entrambe le parti.
  4. La gente preferisce sempre più canali di comunicazione immediati: contattarti su un portale online sarà più comodo per loro piuttosto che recarsi fisicamente al tuo studio. Il mondo corre veloce. Le persone, abituate al tutto e subito, non amano aspettare (anche quando si tratta di argomenti delicati come i problemi legali). È chiaro che nulla paragona l’incontro faccia a faccia col cliente, ma velocizzare il processo con un primo contatto online può aiutarti a organizzarti meglio e a gestire più clienti contemporaneamente dando a tutti le risposte necessarie.
  5. L’online ti permette di raggiungere persone che vivono in tutta Italia: questo rende maggiore la probabilità di avere accesso a più casi legali. Avere una forte presenza su Internet significa farti conoscere non solo all’interno della tua città, ma in tutta Italia. Se oggi ti legge un ragazzo a cui hanno tolto la patente a Brindisi, domani può leggerti una donna che vuole separarsi a Catania e così via. Così facendo, se dimostri bravura e professionalità, considerando inoltre l’opzione di collaborare con altri studi legali, potrai gestire richieste derivanti da tutta Italia.

Oltre alla collaborazione con gli studi associati, vi sono web agency online che mettono in contatto avvocati specializzati con clienti che hanno bisogno di un supporto legale. AvvocatoFlash, in questo senso, è un servizio disponibile in tutta Italia che propone agli avvocati clienti che necessitano di un aiuto legale in base alla città desiderata.
Con questo, non sto dicendo che il lavoro dell’avvocato è cambiato radicalmente anzi, potremmo parlare di un’evoluzione dovuta all’avvento di Internet. Le persone hanno ancora bisogno di parlare di persona con il professionista in questione e i tribunali non sono ancora entità virtuali.
Ricorda: Internet offre sicuramente numerosissime possibilità, ma sarai tu a scegliere la strategia da adottare. Lasciare tutto al caso non è mai conveniente, anzi. Bisogna avere un piano per qualsiasi cosa, in modo da correggere gli errori e fortificare la strategia. Uno studio legale, se trattato come un business online, potrebbe dare più risultati.
Ora tutto passa in mano tua.

Mattia Sammatrice – AvvocatoFlash

Fonti
http://meninweb.org/

Tags
Mostra altro

staff

Redazione interna sito web giuridica.net

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close