News giuridiche

Youpol: una app contro bullismo e droga

Interagire con le forze dell’ordine inviando segnalazioni riguardanti episodi di bullismo o spaccio di droga. Il tutto in forma anonima. Questa è YouPol, l’app per dispositivi mobile presentata mercoledì 8 novembre dal ministro dell’Interno Marco Minniti e il capo della Polizia France Gabrielli in un istituto professionale della provincia di Roma. L’app è già disponibile su Google play e Apple App Store.
Operativa a Roma, Milano e Catania (da febbraio in tutti i capoluoghi di regione, da agosto in tutte le province), l’app permette l’invio di immagini e segnalazioni testuali direttamente alle sale operative delle Questure. I casi di interesse sono, in particolare, episodi di bullismo e droga. Inclusa anche la possibilità di effettuare una chiamata di emergenza in caso di necessità.
«È la vostra amica a cui potete rivolgervi in caso di difficoltà», ha dichiarato il ministro. «Lanciate il segnale, dite che c’è bisogno di un aiuto, fatelo anche in maniera anonima se volete, ma l’unica cosa che non dovete fare è voltarvi dall’altra parte». L’intento, continua il ministro, non è quello di creare dei «ragazzi eroi», ma persone consapevoli che denunciare la violenza sia il modo giusto per vivere da cittadini consapevoli.
«È una modalità di colloquio tra le forze di polizia e i cittadini,» spiega Gabrielli, «perché abbiamo bisogno di cittadini sempre più consapevoli e che si facciano partecipi di un sistema di sicurezza, a partire dai giovani». L’importante, prosegue, è capire che lo scopo della app non è avere a disposizione «uno strumento repressivo bensì preventivo. A seconda della gravità della segnalazione e del livello della violenza verranno attivate una serie di iniziative».
Uno spunto di riflessione: nuovo Grande Fratello (in stile orwelliano, prego) o utile strumento di prevenzione?
 

Tags
Mostra altro

staff

Redazione interna sito web giuridica.net

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close