Diritto amministrativo e sanzioniNews giuridiche

Giustizia lenta: ecco i moduli per l'indennizzo da "irragionevole durata dei processi"

Con decreto del 28 ottobre 2016, il Governo ha reso disponibili i modelli tramite i quali il cittadino può farsi pagare dallo Stato gli indennizzi per la “giustizia lenta”; si tratta dei rimborsi per “l’irragionevole durata dei processi” previsti dalla Legge Pinto (legge 89/2011). I moduli sono allegati al decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 4 novembre in esecuzione di quanto previsto dall’articolo 5-sexies della legge 89/2001.
I moduli sono differenti per le persone fisiche, le persone giuridiche, l’avvocato antistatario ed eredi. I creditori che hanno già trasmesso istanza di rimborso utilizzando la precedente modulistica non devono fare nulla: la domanda si considera valida.
Una volta trasmessa l’istanza in forma digitale allegando i dettagli relativi al procedimento per il quale si chiede il rimborso e la documentazione richiesta, l’Amministrazione ha sei mesi di tempo per effettuare il pagamento. Nel corso di questo periodo il creditore non può procedere con azioni esecutive (esecuzione forzata, notifica atto di precetto, ricorso).
Il risarcimento può andare da 400 a 800 euro per ogni anno in eccesso rispetto alla “durata ragionevole” (3 anni per il primo grado, due anni per il secondo anno e un anno per il giudizio di legittimità).

Tags
Mostra altro

staff

Redazione interna sito web giuridica.net

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close