Diritto dell'immigrazioneNews giuridiche

Decreto sicurezza: le modifiche alla protezione umanitaria non sono retroattive

Corte di Cassazione, sentenza n. 29459, Sezioni Unite civile
Presidente: G. Mammone
Relatore: A.M. Perrino

PROTEZIONE UMANITARIA – SUCCESSIONE DELLE LEGGI NEL TEMPO – DISCIPLINA APPLICABILE – INDIVIDUAZIONE – CRITERIO DI RIFERIMENTO TEMPORALE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI RICONOSCIMENTO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO – CONSEGUENZE IN RELAZIONE ALLA NORMATIVA INTRODOTTA CON IL D.L. N. 113 DEL 2018, CONVERTITO CON L. N. 132 DEL 2018.

«Le Sezioni unite civili, decidendo su questione di massima di particolare importanza, hanno enunciato il seguente principio di diritto: “in tema di successione di leggi nel tempo in materia di protezione umanitaria, il diritto alla protezione, espressione di quello costituzionale di asilo, sorge al momento dell’ingresso in Italia in condizioni di vulnerabilità per rischio di compromissione dei diritti umani fondamentali e la domanda volta a ottenere il relativo permesso attrae il regime normativo applicabile; ne consegue che la normativa introdotta con d.l. n. 113 del 2018, convertito con la l. n. 132 del 2018, nella parte in cui ha modificato la preesistente disciplina contemplata dall’art. 5, comma 6, del d.lgs. n. 286 del 1998 e dalle altre disposizioni consequenziali, non trova applicazione in relazione a domande di riconoscimento del permesso di soggiorno per motivi umanitari proposte prima dell’entrata in vigore (5 ottobre 2018) della nuova legge; tali domande saranno, pertanto, scrutinate sulla base della normativa esistente al momento della loro presentazione, ma, in tale ipotesi, l’accertamento della sussistenza dei presupposti per il riconoscimento del permesso di soggiorno per motivi umanitari sulla base delle norme esistenti prima dell’entrata in vigore del d.l. n. 113 del 2018, convertito nella l. n. 132 del 2018 comporterà il rilascio del permesso di soggiorno per “casi speciali” previsto dall’art. 1, comma 9, del suddetto decreto legge”.»

Tags
Mostra altro

staff

Redazione interna sito web giuridica.net

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close