CivileNews giuridicheProcedura

Condominio: i servizi sospendibili in caso di morosità

I servizi suscettibili di godimento separato, con riferimento anche ai servizi di prima necessità, sono sospendibili? Il Tribunale di Bologna, con l’ordinanza emessa il 3 aprile 2018, ha ritenuto giusto non ritenere intangibili i servizi di acqua e gas in caso di morosità del condòmino. Il ragionamento che ha portato a tale decisione è piuttosto ampio.
Prima di tutto si ritiene infondato il riferimento all’art. 32 della Costituzione – dove si sostiene che «la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo» – in quanto nell’ordinamento non è presente un obbligo per il quale i condòmini in regola con i pagamenti debbano, a fini solidaristici, prendersi carico anche delle spese non sostenute dai condòmini morosi. La motivazione risiede nel fatto che verrebbero meno i diritti dei condòmini in regola vessati, come sarebbero, da un obbligo di «solidarietà coattiva».
L’intera vicenda ha inizio con un ricorso d’urgenza all’art. 700 C.p.c., col quale il condominio ha chiesto al Tribunale di Bologna l’autorizzazione per poter sospendere i servizi di riscaldamento, di acqua (calda e fredda) e il distacco dall’antenna televisiva centralizzata a un condòmino moroso. In seguito a un primo rifiuto, il Tribunale ha poi ritenuto che ci fossero i requisiti di applicabilità dell’art. 63 delle Disposizioni di attuazione: «In caso di mora nel pagamento dei contributi che si sia protratta per un semestre, l’amministratore può sospendere il condòmino moroso dalla fruizione dei servizi comuni suscettibili di godimento separato».
Per quanto riguarda la fornitura d’acqua, poi, esista una norma atta a tutelare gli utenti morosi quando venga comprovato lo «stato di disagio economico-sociale» garantendo un’erogazione, seppur minima, del bene primario.
Nel caso in esame, però, viene a mancare la verifica dello stato di disagio economico-sociale del condòmino. Per quanto riguarda il servizio di antenna centralizzata, invece, non vi sono dubbi sul fatto che non si tratti un bene essenziale. Viste le premesse, quindi, il Tribunale ha autorizzato il condominio a sospendere i servizi di riscaldamento e acqua e tv.
 

Fonte: IlSole24Ore

 

Tags
Mostra altro

staff

Redazione interna sito web giuridica.net

Articoli correlati

Lascia un commento

Back to top button
Close